Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Severgnini’ Category

Non adoro Beppe Severgnini anche se spesso mi fa sorridere, ma oggi leggendo sul Corriere un suo pezzo sull’Australia non ho potuto che apprezzarlo e riconoscermi in diverse delle venti cose che ha apprezzato nella terra dei canguri (e non solo).

In particolare come non esser d’accordo con le seguenti:

1 La luce cinematografica di Perth. Sembrano giornate di montagna, ma c’è il mare.
2 Il porto di Sydney dalla camera d’albergo. Come una cartolina, ma i motoscafi si muovono (pieni di giapponesi entusiasti). […]
8 Adelaide (South Australia). Ha l’aria di dire “Io sto qui a prendere il sole, voi fate un po’ quello che volete”. […]
11 Thongs, le infradito. L’idea australiana di abbigliamento formale.
12 La costa occidentale: come la Gallura, ma è venticinque volte più lunga. 300 km sopra Perth, i Pinnacles. 182.074 monoliti piantati nella sabbia color polenta. Chissà chi li ha contati tutti.
13 Il verde severo degli eucalipti (karri). Sta bene con il rosso della terra e l’azzurro del cielo.
14 Aussie, Oz, Downunder, Wallabies: gli australiani amano soprannominare il proprio mondo, e hanno espressioni tutte loro. Al posto di “prego”, “non c’è di che”, “non preoccuparti” sempre “No worries”. Più che un modo di dire, è una filosofia. […]
17 I quadri-mappa degli aborigeni. Di questo posto hanno capito tutto, ma non è servito a niente. […]
20 Il fatalismo. “Se ci sono gli squali, si vedono le pinne. Se non si vedono le pinne, si può fare il bagno” (L.B. a Cottesloe Beach, vicino Perth). Fortunati, gli australiani. Gli squali italiani hanno due gambe, sorridono e non vengono mai a galla. Così ce ne accorgiamo tardi, e ci fregano sempre.

Sarà che ero in viaggio di nozze, sarà che mi appassiono a quasi tutto quello che vedo, che incontro o, forse, che quando viaggio mi piace vedere tutto con gli occhi di un bambino, ma quel continente (perchè chiamarla nazione è davvero riduttivo) rimarrà sempre uno dei miei posti del cuore.

Annunci

Read Full Post »