Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Finanziaria’ Category

Ogni giorno leggo le cronache politiche cercando di capirci qualcosa. Non che non mi sia chiaro l’italiano in cui sono scritte e, da un minimo ad un massimo, riesco anche a trovare un senso letterale alle svariate dichiarazioni che le vere star della vita pubblica italiana sporoloquiano quotidianamente. 

Sempre più spesso, purtroppo, non ne capisco però il senso, per me, per la mia vita e in un certo senso per l’Italia tutta. Ogni giorno, sempre di più mi sale un senso di disorientamente, di vertigine…. ecco: una nausea.

Non ne posso più di una gestione della vita pubblica di una nazione a livello di pettegolezzo privato, non sopporto questo governo senzo idee e senza costrutto, non sopporto più uno Stato sempre meno servo e sempre più padrone che passa le legislature ad autoalimentare se stesso senza garantire nè servizi, nè sicurezza e tanto meno libertà.

E non è solo una questione di centrosinistra… è tutto il panorama desolante dell’arco costituzionale a starmi stretto. Se la sinistra fa orrore la destra fa paura, non per nostalgie fasciste (anche se alcune dichiarazioni di Storace fanno senso) ma perchè in ultima analisi, anche quella flebile speranza di libertà che fu rappresentata da Forza Italia ha perso col passare degli anni ogni carica riformista e liberista diventando, in fin dei conti, parte del sistema. Invece di cambiare la politica, ci si è adeguata.

Negli ultimi tempi, mi sembra che anche Berlusconi abbia assunto tratti don chiscotteschi, impegnato in battaglie contro i mulini a vento della sua stessa coalizione.

 E intanto il tempo passa… ed io sono stanco di votare il meno peggio, sono stanco di non riuscire a veder nessuna luce in fondo al tunnel, sono stanco di accontantarmi  di votare il meno peggio. Sono stufo di uno Stato e di una politica sempre pronti a giustificarsi, con il ditino alzato. Sono nauseato da tutti i “si, però…”, dal continuo dare la colpa ad altro. Sono schifate da tutte le belle idee che idee rimangono e rimarrano per i secoli futuri.

Ecco… mi è tornata la nausea.

Update: per un analisi un filo più ragionata della giornata di ieri andate da K. Lui è uno che ancora ce la fa a rosicare e, poi, ha il pregio di parlare come mangia ed essendo “de Roma” è uno che mangia bene 🙂

Annunci

Read Full Post »

Da una lettera al Corriere:

Sono pensionato, ho una figlia universitaria che ha un grave difetto: di essere troppo brava negli studi. Infatti ha commesso l’errore di vincere una borsa di studio di 3000 euro. Dove stanno il difetto e l’errore? 1) In sede di dichiarazione dei redditi, presentando il modello 730 al Caaf, è risultato che mia figlia, avendo avuto un “reddito” di 3000 euro non è più a mio carico. Quindi non ho percepito la deduzione per figlio a carico di 1825 euro(come l’anno scorso). 2) non ho potuto detrarre 478 euro pari al19% delle tasse scolastiche. 3)Non ho potuto detrarre 190 euro per spese mediche. 4) Sono andato in debito con il fisco di 228 euro che mi verranno tolte dalla pensione di agosto. 5) al prossimo dicembre lo Stato pretenderà da me un acconto di 197 euro sui miei redditi del 2008. In totale3018 euro. Morale: mia figlia ha vinto una borsa di studio di3000 euro. Lo Stato, a fronte di ciò, mi tassa per 3018 euro! In pratica la borsa di studio gliel’ho pagata io! E’ così che lo Stato concepisce l’aiuto agli studenti bravi e meritevoli?

Ogni commento è tristemente superfluo.

Read Full Post »

Questione di fiducia /2

Dice Enrico Letta: “La finanziaria verrà approvata senza fiducia”.

Per una volta ha ragione. In questa finanziaria, ormai, non crede proprio più nessuno.

Read Full Post »