Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for novembre 2006

Bernardo Caprotti, il patron di Esselunga , è senza dubbio un genio!

Già la nota polemica preventiva con le Coop, aveva fatto sorgere nel mio, ma non solo, cuore un grido di, non dico amore, ma qualcosa che supera la semplice stima.

Stasera sono andato a fare la spesa al solito Esselunga e, sorpresa, davanti al banco pesce mi trovo uno scaffale di confezioni di SUSHI! Bello pronto, confezionato e fresco! Il Sushi al supermarket!!! Altro che farmaci con supporto di annesso farmacista (ogni riferimento alle coop è volutamente non casuale!), questa è la vera rivoluzione! Ci sarebbe già lo slogan: “Il fosforo è nel sushi non nelle pastiglie!”

Non so se sia una sperimentazione o qualcosa che andrà avanti. So solo che la ragazza addetta a spiegare i vari tipi di sushi ci ha tenuto a sottolineare che, in una settimana, è sempre andato via tuttto, anche se ogni giorno ne ordinano di più.

L’ho assaggiato. E’ buono! L’unica cosa che vi consiglio è di evitare il sashimi di salmone. Non che sia cattivo, ma come i tranci confezionati assume un leggero e non troppo piacevole odore.

W Bernardo Caprotti! W Esselunga!

P.S. Ci tengo a sottolineare che, purtroppo, non ho preso un euro per tale pubblicità! Nasce proprio dal cuore… o forse dallo stomaco.

Read Full Post »

Geniale

Ieri sera mi sono imbattuto in questo video! A prescindere dalla canzone, l’idea è geniale… durasse 15 secondi meno sarebbe perfetto!

Read Full Post »

Teheran, 21 nov. – (Adnkronos/Aki) – ”Il processo di ‘ahmadinejadizzazione‘ del mondo ha avuto un’accelerazione dopo i miei ultimi viaggi all’estero”: questo, secondo il quotidiano di Teheran ‘Entekhab’, sarebbe il punto di vista espresso dal presidente iraniano Mahmoud Ahmadinejad in un incontro con i giornalisti della radio e televisione di Stato. Tale convinzione segue una serie di uscite pubbliche – a iniziare dalle lettere al presidente americano George W. Bush e alla cancelliera tedesca Angela Merkel – in cui il presidente iraniano si propone come ‘salvatore del mondo’ e ‘portavoce dei diseredati’ a livello globale.

Non so voi, ma a me l’ahmadinejadizzazione presunta del mondo fa un pò l’effetto del Mary Poppinsiano Supercalifragilistichespiralidoso senza dubbio l’effetto è spaventoso e di dirlo bene non se ne parla… per cui alla fine resta solo addosso gelo e senso di sgomento. Più che una favola è un brutto film, ma di quelli che lasciano il segno.

Read Full Post »

L’ultimo numero della rivista Flight International presenta un interessante e gustoso speciale dedicato alla nostra industria aeronautica.

Già, benchè se ne parli poco, l’industria aeronautica italiana negli ultimi hano si è risollevata dalla terribile crisi che la colse ngli anni ’90. Il successo recente più evidente è stata la commessa vita da Agusta/Westland per la fornitura dell’ US-101 (derivato dall’EH-101 come elicottero presidenziale) agli Stati Uniti d’America.

I problemi comunque restano. In Italia vi è un colosso, Finmeccanica, che controlla tutte le maggiori aziende aeronautiche (Alenia, Aermacchi e Agusta/Westland) e poi tante piccole aziende affette dal nostro cronico nanismo, ma che nel campo dell’alta tecnologia riescono comunque a competere.

Paradossalmente, la salvezza della nostra industria aeronautica è stata favorita dal non essere entrati nel consorzio EADS (dove saremmo inevitabilmente rimasti schiacciati da Francia e Germania), ma di tessere una tela di collaborazioni e alleanze sia continetali che atlantiche, ma con uno sguardo anche alla Russia. Non sono tutte rose e fiori, anche perchè di velivoli nuovi non è che ne siano usciti molti dagli uffici di progettazione e quelli presentati faranno fatica, Agusta esclusa, ad uscire dai confini nazionali (si pensi al M-346 o al C-27J), però il settore è sano e gli orizzonti addiritura rosei se confrontati con l’odierna situazione in cui versa EADS (il fallimento del’A380 e la fatica che trova l’A-400M a “decollare”).

La speranza è che il nuovo governo economicamente “interventista” non cerchi di rovinare tutto in virtù di un ideale europeismo che farebbe comodo, ad oggi, solo agli altri.

 Tutto il resto lo trovate qui o se volete spendere qualche soldo in qualche (rara) edicola.

il C 27J

Read Full Post »

L’intrattenimento in volo,  soprattuto per il medio-lungo raggio, è uno degli ambiti del trasporto aereo che più velocemente risentono dell’evoluzione del costume e della tecnologia. Ovviamente tranne che in Italia dove ci tocca volare sui novissimi aerei Alitalia.

E’ di oggi la notizia che sei compagnie aeree (Air France, Continental Airlines, Delta Airlines, Emirates, KLM e United Airlines) introdurranno nel prossimo anno la possibilità di alimentare e caricare il proprio iPod durante il volo. In più, permetteranno anche di vedere eventuali video presenti nell’iPod, sul monitor posto di fronte a loro.

Qui maggiori dettagli

Read Full Post »

Questione di fiducia /2

Dice Enrico Letta: “La finanziaria verrà approvata senza fiducia”.

Per una volta ha ragione. In questa finanziaria, ormai, non crede proprio più nessuno.

Read Full Post »

The Right Nation

Che bella cosa!

Da leggere, in particolare, questo.

P.S. Lo so, non sono sul pezzo. Sono in ritardo, ma ho passato gli utlimi giorni a simulare di essere un naufrago…. e a sopravvivere a devastanti attacchi di noia.

Read Full Post »